Calcoli renali

Figura 1. Questa foto mostra cristalli di acido urico nelle urine, visti al microscopio. La birifrangenza al microscopio a luce polarizzata aiuta a distinguere i cristalli di acido urico da altri tipi di cristalli, ma è necessaria l’analisi biochimica per stabilire la composizione chimica.

I calcoli renali sono comuni nella malattia di Lesch-Nyhan. Il maggior costituente è generalmente l’acido urico. I calcoli si formano mentre il rene cerca di concentrare l’acido urico nella vescica per eliminarlo con le urine. Se non c’è abbastanza liquido per far scorrere costantemente l’acido urico e (figura 1) nelle urine, il calcolo si ingrandisce.

I calcoli sono pericolosi perchè possono intasare il rene o rimanere incastrati nell’uretere, un tubo usato dal rene per eliminare le urine. Il dolore è un importante segnale di allarme in questo caso. Il dolore di solito è forte, e si avverte sopratutto sul fianco vicino al rene, nella parte bassa della pancia e nella parte alta della coscia;, va e viene, a seconda della localizzazione e dei movimenti del calcolo.

Se l’urina non può uscire, il rene non ha nessun posto in cui scaricarla, e smetterà di funzionare. Se il rene rimane a lungo in questa situazione, subirà lentamente una degenerazione. La maggior parte della gente ha due reni e se uno è bloccato l’altro continuerà a funzionare. Ma se si bloccano ambedue, si sviluppa un blocco renale, un’emergenza che mette in pericolo di vita.

Fortunatamente nella maggior parte dei casi si può prevenire la formazione di calcoli di acido urico con un trattamento adeguato, e se i calcoli si sviluppano, si possono trovare e asportare. Per maggiori informazioni, andare alla sezione sul Trattamento.